MAPPA: Carta Geologica OROGENICA

Il campo Classe Orogenica è caratteri da 6 categorie di codifica ed ha la funzione di distinguere i depositi in base alla loro collocazione nella fase di strutturazione orogenica dell’Appennino centrale. Gli Orogeni sono fasce corrugate in cui le rocce hanno subito intense deformazioni e sono interessate da forte attività magmatica e metamorfica. Secondo la tettonica delle placche, gli orogeni si generano, soprattutto per collisione, sui margini dei cratoni che possono così accrescersi lateralmente per aggiunta di orogeni successivi. Ai limite delle placche possono verificarsi tre differenti processi orogenetici: orogenesi da collisione; orogenesi da attivazione; orogenesi per accrescimento crostale.

OROGENESI è il processo che porta alla nascita di una catena montuosa. Si verifica ai limiti di placca convergenti, dove è in atto subduzione.
Vengono proposti tre processi orogenetici:

  1. Orogenesi da collisione o di tipo Himalayano: vi è la convergenza tra due blocchi continentali. La litosfera oceanica interposta viene subdotta mentre sul margine attivo si crea un sistema arco-fossa. Il bacino oceanico si riduce progressivamente , si originano cunei di crosta oceanica che tendono ad accavallarsi verso la placca oceanica in subduzione mentre i sedimenti oceanici tendono anch’essi ad accavallarsi. La collisione fra i due continenti provoca la massima compressione e deformazione: la crosta oceanica, i sedimenti e le rocce continentali sono ridotti in scaglie o cunei che si sovrappongono reciprocamente. L’incastro provoca un forte ispessimento crostale che in seguito, a causa della compensazione isostatica, originerà un notevole sollevamento. (es.: Alpi, Himalaya, Urali).
  2. Orogenesi da attivazione: si verifica quando una placca oceanica va in subduzione sotto un margine continentale. In questo tipo di collisione, tipica ad esempio della Cordigliera delle Ande (dove la placca di Nazca si immerge sotto la placca Sudamericana), si forma un arco magmatico sulla placca con crosta continentale. L’area alle spalle dell’arco magmatico viene fortemente compressa e vengono deformate le rocce presenti. Fenomeni sismici e vulcanici sono frequenti e intensi. (es.: Ande argentine e cilene, Montagne Rocciose).
  3. Orogenesi per accrescimento crostale: è simile a quella collisionale, consiste nell’arrivo scaglionato di diversi blocchi crostali che si accumulano contro il margine di un grande continente. Questo tipo di meccanismo orogenetico si è verificato nella maggior parte delle regioni pacifiche del Nordamerica, della California fino all’Alaska. La regione è costituita da un mosaico di blocchi crostali, veri e propri micro continenti che sembrano essersi accumulati in successione lungo i margini del continente nordamericano durante gli ultimi 150-200 milioni di anni. Tra un blocco e l’altro si trovano anche dei lembi di crosta oceanica.
RASTER - ORTOFOTO del 2011
Egeos 2011
RASTER - Carta Tecnica Regionale del 2000
Carta Tecnica Regionale (2000-02)
RASTER - DEM della Città Metropolitana di Roma Capitale a Colori
IMMAGINE DELLA SUPERFICIE DELLA PROVINCIA A COLORI
RASTER - DEM della Città Metropolitana di Roma Capitale in Grigio
IMMAGINE DELLA SUPERFICIE DELLA PROVINCIA SU SCALA DI GRIGI
GEOLOGIA - Carta Orogenica
Carta Geologica della Provincia di Roma 2012
GEOLOGIA - Fiumi Laghi e Idrografia
FIUMI E LAGHI PRINCIPALI
IDROGRAFIA PROVINCIA DI ROMA
GEOLOGIA - Confini Comunali della Città Metropolitana di Roma Capitale
CONFINI COMUNALI CTR1990
Vai al portale istituzionale Vai al questionario sull'uso della bicicletta Vai al sito del PTPG Vai al sito del PROVIS Vai al sito del Dipartimento VI-